Il Consiglio Regionale dell’ANBIMA Calabria nella riunione odierna ha esaminato la situazione generale dell’organizzazione ed ha convenuto di proseguire nel percorso già avviato e far convergere gli sforzi in direzione di alcuni obiettivi precisi:

- La richiesta di interventi regionali sia di carattere amministrativo che legislativo a sostegno delle attività musicali. A tale scopo sarà seguito il disegno di legge già elaborato e sul quale diventa necessario il confronto e la necessaria convergenza dell’intero settore. Non è più procrastinabile, infatti, il problema di tutelare e promuovere questo spaccato di società che opera senza scopo di lucro e che arricchisce il mondo sociale, culturale e musicale del nostro territorio.

- Costituzione di bande/orchestre giovanili provinciali delle Associazioni aderenti all’ANBIMA. Pur non avendo la velleità di rappresentare l’universo mondo del settore giovanile musicale, il Consiglio, nella piena consapevolezza di avere all’interno dei propri associati significative e qualificate esperienze, ritiene che vada concretamente favorita e praticata la costituzione di bande/orchestre giovanili provinciali al fine far emergere le positività e dare così una visione unitaria del settore. A questo scopo l’ANBIMA Calabria ha partecipato con convinzione al Progetto MIBACT e rimane in attesa dei conseguenti finanziamenti unitamente alle risorse messa a disposizione come cofinanziamento.

- Avviare la realizzazione di corsi di formazione indirizzati a docenti interessati alla propedeutica musicale. Nel quadro degli interventi organizzati dall’ANBIMA Nazionale, sarà tenuto nei prossimi mesi in Calabria un percorso di formazione indirizzato a docenti appartenenti alle Associazioni ANBIMA dell’Italia Meridionale che sono interessati ad acquisire competenze didattico/metodologiche per l’insegnamento agli alunni in età 0-6.

Il Consiglio Regionale, facendo, quindi, seguito agli incontri realizzati a livello regionale e ritenendo utile allargare il confronto ed il dialogo con tutti gli associati, dichiara la propria disponibilità a tenere, nelle varie sedi delle Associazioni ANBIMA, incontri di approfondimento sui temi già avviati nonché per affrontare problematiche presenti nelle varie realtà.

Appresa la gravità delle condizioni in cui sono state ricacciate l’Associazione Culturale “Paolo Ragone” di Laureana di Borrello (RC) e la sua Orchestra a seguito del venir meno delle condizioni minime di agibilità per l’espletamento delle loro funzioni, l'Anbima Calabria e le Associazioni ad essa aderenti ed in particolar modo quelle che operano nella Provincia di Reggio Calabria, che direttamente conoscono la complessa e meritoria attività che svolge l’Orchestra, esprimono la loro totale e convinta solidarietà e si augurano che quanto prima vengano create le condizioni della normale ripresa delle attività artistico-culturali.
Questa situazione, che ci auguriamo venga chiarita al più presto, rappresenta certamente la chiara ed emblematica dimostrazione delle difficoltà in cui operano le orchestre giovanili che non hanno alcuna motivazione di lucro e che operano nell’esclusivo interesse dei giovani e della loro formazione e per lo sviluppo culturale del territorio.
Al Presidente Francesco Fruci, al Maestro Maurizio Managò ed agli orchestrali tutti l’ANBIMA Calabria conferma la propria sincera solidarietà per l’attuale difficile momento ed auspica il suo immediato superamento. Dichiara comunque la propria disponibilità a condividere forme di solidarietà concreta ove l’immediata agibilità della sede dovesse ritardare.
Fraternamente.
Francesco Palumbo
Presidente ANBIMA Calabria

Prosegue, come da programma, il lavoro del consiglio direttivo regionale ANBIMA Calabria, che sabato 19 novembre 2016, presso l’Auditorium della parrocchia San Giovanni Battista di S. Eufemia-Lamezia, ha organizzato un seminario di studi su “Tematiche organizzative, giuridiche e fiscali delle Associazioni non commerciali”.

Erano presenti: dalla provincia di Cosenza, la Banda “Mario Aloe”, la Banda “Francesco Curcio”, l’”Orchestra di Fiati mediterranea”, tutte da Amantea, la Banda “San Donato di Ninea” , le associazioni musicali di Verbicaro e Terranova da Sibari, da Vibo Val., l’Associazione “Amici della Musica” di Serra San Bruno, dalla provincia di Reggio Calabria, l’Associazione Culturale di Melicucco, , l’Ass.ne Culturale “Spadaro” di Delianuova, l’Associazione “Euterpe” da Catona, il Complesso Bandistico Città di Oppido Mamertina, e “Michele Mammoliti” da Seminara.

Al tavolo della presidenza, il Presidente regionale, Franco Palumbo, il vice Luigi Caruso, ed i consiglieri Fabio Garritano e Paolo Miraglia, relatori Enzio Audano presidente regionale ANBIMA Piemonte, Alberto Buono, presidente Corpo musicale “G. Verdi” di Venaria Reale (TO).

Ad aprire i lavori il presidente Palumbo il quale ha voluto rimarcare l’impegno del direttivo regionale a supporto dei dirigenti delle unità di base che operano sul territorio i quali hanno bisogno di avere informazioni puntuali per meglio gestire le stesse, anche alla luce degli interventi normativi che rendono non facile i loro compiti.

Per offrire supporto alle bande calabresi è stato chiamato Ezio Audano, Presidente Regionale ANBIMA Piemonte, il quale, forte della sua esperienza, per oltre 13 anni di Presidenza, ha avviato, unitamente alle altre associazioni piemontesi, un percorso di approfondimento e studio delle esigenze delle Bande che ha permesso loro di elaborare, presentare e ottenere, anche grazie alla collaborazione di esperti, una legge regionale a supporto delle attività dei complessi bandistici. Audano, il quale ha affrontato gli aspetti di natura giuridico-legale, ha poi sottolineato l’importanza del collegamento delle associazioni musicali con il mondo della scuola, che rappresenta oltre che un supporto culturale anche un vivaio da cui attingere nuove generazioni di musicisti, nonché con i conservatori.

Altrettanto significativo e interessante l’intervento del secondo relatore, Alberto Buono, il quale ha voluto soffermarsi sugli adempimenti fiscali che le associazioni noprofit devono affrontare. Un pubblico attento e interessato ha seguito i lavori del seminario; molte le domande di chiarimento rivolte ai relatori, segno della grade rilevanza degli argomenti trattati. A conclusione del seminario il presidente Palumbo, nel ringraziare gli intervenuti, ha voluto sottolineare l’impegno del nuovo direttivo regionale, che sta seguendo un programma ambizioso, di sostegno e supporto alle associazioni aderenti, e che vede tra gli obiettivi il coinvolgimento di tutte le realtà bandistiche calabresi.

Santa Messa nella Basilica di Santa Cecilia in Trastevere officiata da Mons. MARCO FRISINA e animata da tre formazioni bandistiche associate Anbima e dal Coro della Diocesi di Roma. Due delle tre formazioni erano calabresi: "Le Crome Vaganti" di Verbicaro (CS) e l'Orchestra Giovanile di Fiati di Delianuova (RC)

Si comunica che il 23 ottobre 2016 si è svolto presso la Parrocchia di S. Antonio di Padova – Viale della Resistenza – di Commenda di Rende (CS), il Congresso Provinciale ANBIMA della Provincia di Cosenza per l’elezione del Presidente, del Vice-Presidente, dei Consiglieri Provinciali e del Collegio dei Revisori dei Conti.

L’esito dei lavori del Congresso è stato il seguente:

· Presidente Provinciale : LUIGI CARUSO dell’Associazione Culturale “Amici della Musica” di San Donato di Ninea (CS), tel. 3475081669, mail : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;

· Vice-Presidente Provinciale: LUIGI SPINA dell’Associazione Culturale “Curcio” di Amantea (CS)

· Consigliere Provinciale: MARTIRE SALVATORE dell’Associazione Culturale “Scuola Musikè” di Pedace;

· Collegio dei Revisori dei Conti:

- FERRARO MARIA dell’Associazione Culturale di San Donato di Ninea (CS);

- CAMPOLONGO MARIA dell’Associazione Culturale di San Donato di Ninea (CS);

- MORRONE GIANFRANCO dell’Associazione Culturale “Materi Dei” di Pedace (CS).