Il Codice del Terzo Settore ha elaborato la normativa di agevolazioni fiscali per gli enti del terzo settore nei quali sono comprese anche le Bande, Cori e associazioni culturali che hanno richiesto e ottenuto l'iscrizione al RUNTS (Registro Unico Nazionale Terzo Settore). I nuovi regimi fiscali sono in fase di valutazione da parte della Commissione UE.

Come sostenuto da tempo dalla nostra Associazione, aderire al RUNTS come APS è, dunque, un'opportunità che consente anche di mantenere la decommercializzazione dei corrispettivi specifici e delle quote supplementari.

Il nostro Presidente Nazionale, M° Giampaolo Lazzeri, e il nostro Segretario Nazionale, Dr. Andrea Romiti, sull'edizione de “Il Sole 24 Ore” dello scorso giovedì, hanno ribadito la necessità di aderire alla costituenda Rete Associativa Nazionale ANBIMA per trovarsi pronti a cogliere questi benefici.

ANBIMA ha già organizzato convegni su tutto il territorio nazionale e corsi di formazione per fornire alle proprie associazioni, e non solo, un completo supporto informativo e gestionale nella trasformazione richiesta dal Dlgs 117 del 2017. Le opportunità fornite da questa Riforma sono rilevanti e molte delle associazioni bandistiche associate hanno già intrapreso questi percorsi in collaborazione con istituzioni ed enti, per accedere a fondi specifici regionali o locali a sostegno della formazione tecnica, artistica e didattica.

Gli istituti della coprogettazione e coprogrammazione diventeranno le parole chiave del Terzo Settore per poter comunicare con le Pubbliche Amministrazioni e permetteranno una interlocuzione diretta con la PA.

Risulta, quindi, alla luce di questi nuovi sviluppi, strumentalizzata e falsata la visione secondo la quale l'inclusione delle Bande musicali nel Terzo Settore porterebbe alla loro progressiva scomparsa per la troppa e difficile gestione burocratica; gli adempimenti rimangono gli stessi attuali, ma alcuni di essi saranno adempiuti telematicamente e, a volte, pubblicati.

Resta da sfatare il mito dell’impossibilità per le bande e i cori che accedono al RUNTS di non poter beneficiare del trattamento previsto dal TUIR art. 67, comma 1, lettera m, riguardo ai compensi destinati ai collaboratori; una chance questa che resta disponibile e che si aggiunge a tutte le agevolazioni offerte a tutte le associazioni come bande e cori che decidono di percorrere la strada tracciata dalla Riforma del Terzo Settore.

Non accedere al RUNTS significherebbe, dunque, contrarre le nostre attività di formazione e artistiche in collaborazione con enti ed istituzioni, nonché essere esclusi da tutte le opportunità offerte in campo associativo e fiscale per la crescita e lo sviluppo delle nostre tradizioni.


Ufficio stampa di ANBIMA
Dr.ssa Sabrina Malavolti Landi
mob: +39.347.5894311 - mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.